Come combattere le allergie da polline

La bella stagione porta con sé sole, temperature miti e buonumore, anche se a queste belle cose il periodo stagionale primaverile aggiunge fastidi e allergie da polline.

I mesi dell’anno in cui compaiono i sintomi legati alle allergie sono quelli del periodo di fioritura della pianta a cui si è allergici e, entro certi limiti, possono variare da un anno all’altro, così come variano i sintomi delle allergie da un soggetto ad un altro.

Molti soffrono di allergia, principalmente da polline durante il periodo specifico, che si manifesta con congestione nasale e naso che cola, spossatezza o irritabilità, lacrimazione e prurito agli occhi, ripetuti starnuti e pruriti al palato e alla gola, sintomi che creano non pochi fastidi durante la giornata e che possono interferire con lo svolgimento delle attività quotidiane.

Le reazioni allergiche possono presentarsi a qualsiasi età, ed è comune che possano cambiare nel corso degli anni, oppure tendono a diminuire lentamente, anche se è purtroppo rara una completa risoluzione o estinzione.
È possibile prevenire le allergie da polline, o quantomeno provare a ridurle, attraverso dei piccoli accorgimenti che aiutano a tenerle a bada. La prima regola da seguire è ridurre al minimo il contatto con i pollini, soprattutto nei giorni più critici, evitando magari di passeggiare in campi o giardini in cui l'erba è stata tagliata da poco.
Così come anche lavare spesso le mani e gli occhi con acqua fredda o con un infuso di camomilla, che ha un’azione calmante e lenitiva, può essere un sollievo. Inoltre, stabilita la componente pollinica responsabile dell’allergia con indagini diagnostiche specifiche, è utile consultare in modo sistematico e puntuale i calendari delle fioriture per gestire così l’allergia stessa, e il monitoraggio aerobiologico che permette un'attività di sorveglianza della qualità dell'aria, utile per misurare la concentrazione atmosferica dei principali pollini allergenici. In questo modo, è possibile adottare tutti gli accorgimenti necessari e una corretta terapia farmacologica.

Per chi soffre di allergie da polline ci sono dei rimedi naturali che possono essere un aiuto per alleviare i fastidiosi sintomi, come la perillia, una pianta che aiuta ad alleviare le riniti allergiche, oppure il ribes nero che stimola la secrezione di sostanze antinfiammatorie e svolge un’azione antiallergica, tanto che è considerato un antistaminico naturale simile al cortisone, ancora la rosa canina che rafforza le difese naturali dell’organismo essendo ricca di vitamina C.
Certo è che non esiste alcun metodo efficace per evitare la malattia, dato che non è possibile impedire l'esposizione ai pollini completamente, e spesse volte è necessario adattare una cura farmacologica specifica per il tipo di allergia.

Per questo motivo è sempre bene rivolgersi al proprio medico  curante, il quale valuterà un piano terapeutico mirato magari anche con degli esami specifici, e rivolgersi ad un allergologo che saprà sicuramente consigliarvi al meglio.

DMC Firewall is developed by Dean Marshall Consultancy Ltd

Questo sito utilizza cookies per il suo funzionamento. Maggiori informazioni